visto-dirette

VISTO DI CONFORMITA’ PER CREDITI ERARIALI DI IMPORTO SUPERIORE A € 15.000 (art.1 comma 574, Legge 147/2013)

A decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2013, i contribuenti che utilizzano in compensazione i crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle ritenute, alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito e all’imposta regionale sulle attività produttive, per importi superiori a 5.000 euro annui, hanno l’obbligo di richiedere l’apposizione del visto di conformità di cui all’articolo 35,comma 1, lettera a), del citato decreto legislativo n. 241 del1997, sulle singole dichiarazioni dalle quali emerge il credito .

I controlli che devono essere effettuati per rilasciare il visto di conformità corrispondono in buona parte a quelli previsti dagli articoli 36-bis e 36-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 e sono finalizzati ad evitare errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili, delle imposte e delle ritenute, nonché nel riporto delle eccedenze risultanti dalle precedenti dichiarazioni.

Pertanto il rilascio del visto di conformità implica alcuni controlli necessari :

  • il riscontro della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze della relativa documentazione
  • il riscontro della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle disposizioni che disciplinano gli oneri deducibili e detraibili
  • il controllo delle detrazioni e dei crediti d’imposta esposti in dichiarazione con la relativa documentazione
  • il controllo del corretto lo scomputo delle ritenute d’acconto con la relativa documentazione
  • il controllo dei versamenti in acconto di imposta dichiarati.

Inoltre , relativamente alle dichiarazioni dei redditi, dell’imposta regionale sulle attività produttive e dei sostituti d’imposta, i controlli implicano anche :

- la verifica della regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie;

- la verifica della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze delle scritture contabili e di queste ultime alla relativa documentazione.

I riscontri non comportano valutazioni di merito, ma il solo controllo formale in ordine all’ammontare delle componenti positive e negative relative all’attività di impresa e/o di lavoro autonomo esercitata, rilevanti ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive, nonché in ordine all’ammontare dei compensi e delle somme corrisposti in qualità di sostituto d’imposta. ( circolare 28/E del 25 settembre 2014) .

Il Servizio

approved
Caf Interregionale Dipendenti Srl offre il servizio di apposizione del visto di conformità alle dichiarazioni dei redditi UNICO SC e Modello IRAP e Modello 770.


L’apposizione del visto avverrà previo esame della contabilità e dei documenti che il professionista incaricato riceverà in originale o attraverso sistemi informatici.

Su semplice richiesta, inviando una mail ad assistenza@cafinterregionale.it ed allegando la copia della dichiarazione che necessita del visto di conformità, è possibile ricevere un preventivo di spesa e copia del contratto di attivazione del servizio.  

Per gli aderenti al sistema Confindustria è previsto uno sconto del 10% sul compenso richiesto.